L'alopecia da denutrizione

L'alopecia da denutrizione è un tipo di calvizie molto comune soprattutto tra le persone che presentano uno stato nutrizionale carente oppure scarsamente equilibrato: infatti, secondo Rook - un importante studioso che ha scritto trattati interessanti a livello di dermatologia - vi è una stretta correlazione tra lo stato nutrizionale e la sintesi delle cheratine dure dei peli e delle unghie.

Certamente, bisogna ricordare che una dieta scarsamente equilibrata, come può essere una dieta ipoproteica o che presenti gravi squilibri e sbilanciamenti soprattutto per quel che riguarda gli oligoelementi, può essere determinante per la comparsa del problema della calvizie, e ciò dovrebbe pertanto spingere ognuno di noi a modificare la propria alimentazione ed il proprio stile di vita in maniera più sana e bilanciata.

Un importante studioso di tricologia, ovvero Bradfield, ha infatti dimostrato che una dieta scarsa in proteine ed oligoelementi è in grado di determinare un indebolimento del diametro del bulbo dei capelli dopo soli 11 giorni ed una riduzione del pigmento melanico a partire dal 14° giorno.

L'alopecia da denutrizione è reversibile solo se la situazione viene affrontata in tempo e con i giusti strumenti: pertanto, è importante non solo tenere sempre sotto controllo il proprio stato nutrizionale ma anche prestare sempre la massima attenzione ai propri capelli.