Calvizie: soffro di alopecia, a chi mi rivolgo?

Si parla spesso di calvizie ma non sempre si riesce a riconoscere in tempo questo problema e molte volte la diagnosi è lunga ed errata: è bene chiarire che è molto importante effettuare una diagnosi tempestiva al fine di curare per tempo l'alopecia e di limitare i danni che essa potrebbe creare nell'individuo, sia psicologicamente che fisicamente.

Quando si inizia a perdere i capelli, spesso ci si affida a terapie fai da te senza preoccuparsi di osservare e valutare il problema fino in fondo, dimenticando che soprattutto in casi ed in situazioni come queste la tempestività è molto importante e bisogna subito rivolgersi ad un medico specialista.

Chi, allora, può darci delle indicazioni precise su come affrontare questa patologia tanto discussa?

Il medico a cui rivolgersi quando si sospetta di soffrire di calvizie è il dermatologo: perché proprio lui?

Il dermatologo è un medico specializzato nella cura e nella diagnosi di malattie e di patologie che coinvolgono la pelle, e quindi proprio per le sue conoscenze è l'unico davvero in grado di stabilire se la perdita di capelli è dovuta ad un inizio di alopecia o se invece le motivazioni sono altre, ed in ogni caso è l'unico in grado di fornire delle risposte esaustive e soprattutto sicure ai nostri dubbi.

Ricordiamoci che la calvizie è una vera patologia, che se non curata può in alcuni casi essere progressiva e quindi peggiorare il suo decorso: diagnosticarla correttamente è il primo utile passo per guarire, spesso anche definitivamente.